skip to Main Content


La politica commerciale del MoVimento 5 Stelle

di MoVimento 5 Stelle Europa

Negli ultimi 20 anni l’Italia è cresciuta del 20% in meno di tutti gli altri Paesi europei. Anziché unire, il mercato unico europeo oggi crea vantaggi per alcuni e difficoltà per altri. Il Movimento 5 Stelle sta lottando al Parlamento europeo per aiutare le imprese italiane a crescere. Per farlo bisogna subito rimediare agli errori del passato e scrivere insieme ai cittadini dei Trattati che difende davvero la produzione italiana.

C’è un Europa delle multinazionali e dei potenti, che usa il commercio per sfruttare i Paesi poveri, sottrarre le loro risorse e distruggere i loro diritti, ma c’è anche un’Europa dei cittadini, giusta, equa e solidale che crede nella giustizia e promuove un mondo migliore. Bisogna rafforzare quest’ultima.

Per preparare al meglio il programma nazionale di Sviluppo economico, il MoVimento 5 Stelle organizza un ciclo di convegni di approfondimento dei principali ambiti dello sviluppo economico. Il primo si è tenuto a Roma lo scorso 28 aprile. Il secondo dal titolo “La politica commerciale del MoVimento 5 Stelle” si terrà al Parlamento europeo oggi alle 15:00. Questo seminario organizzato dai portavoce al Parlamento europeo Ignazio Corrao, Tiziana Beghin e David Borrelli e dai parlamentari del MoVimento 5 Stelle Giorgio Sorial e Barbara Lezzi mette attorno allo stesso tavolo alcuni rappresentanti di altri gruppi politici presenti al Parlamento europeo che si sono occupati di tematiche inerenti al commercio internazionale. All’evento partecipano anche Arianna Giulidori (Coldiretti), Ines Van Lierse (Chair Aegis) e i professori Paolo Becchetti, Salvatore Casabona, Alberto Arrufat e l’avvocato Laurent Ruessmann.

Per il Movimento 5 Stelle tutti i Trattati – dal TTIP al CETA – non devono toccare i beni pubblici: sanità, istruzione, cultura, diritti, accesso all’acqua. La trasparenza deve essere una regola dei negoziati: imprenditori e cittadini devono essere coinvolti attraverso consultazioni pubbliche e i negoziatori devono rispettare la loro volontà.

Seguiteci in diretta live streaming e aiutateci a rendere il commercio uno strumento di pace fra i popoli e di prosperità per le imprese. La diretta inizierà a partire dalle 15:00




Back To Top
Search