skip to Main Content


Il #ProgrammaImmigrazione del MoVimento 5 Stelle: obiettivo sbarchi zero

di Laura Ferrara, M5s Europa

L’immigrazione è il più grande fallimento dei partiti. Il Regolamento di Dublino e l’accordo sui migranti con la Turchia hanno trasformato l’Italia nel campo profughi d’Europa. I cittadini pagano l’incapacità dei partiti. Chiediamo il rispetto delle regole. Vogliamo azioni concrete e regole chiare da tutti. L’immigrazione deve essere gestita, le leggi rispettate, così come i Trattati europei che prevedono la solidarietà fra gli Stati membri per la gestione delle emergenze.

Oggi iniziamo a discutere il Programma Immigrazione del MoVimento 5 Stelle.
Nel 2016 i migranti sbarcati in Italia sono stati 181.436, un record assoluto nella storia del nostro Paese. Nel 2017 questo trend è addirittura in aumento. Nel 2016 i morti annegati sono stati oltre 5.000. Più di un terzo dei minori sbarcati scompare senza lasciare traccia. Bisogna intervenire con politiche strutturali e combattere efficacemente quello che ormai è diventato un business. “Coi profughi guadagno più che con la droga”, affermava Buzzi in una intercettazione condotta durante l’operazione Mafia Capitale.
L’Italia deve lavorare per rimuovere le cause che costringono migliaia di essere umani a lasciare i propri Paesi di origine. Nessuno vuole abbandonare la comunità in cui è cresciuto. Ecco perché serve un embargo alla vendita di armi ai Paesi in guerra civile, la fine dello sfruttamento dei Paesi terzi, una vera cooperazione internazionale e di sviluppo dei Paesi di origine. Con vie legali e sicure di accesso all’Unione europea diminuirebbero le traversate in mare, la pressione dei flussi sulle frontiere esterne e si contrasterebbe il traffico di esseri umani.

Gran parte della legislazione nazionale in tema di asilo ed immigrazione è di derivazione europea. Chiediamo il ricollocamento obbligatorio e automatico dei richiedenti asilo arrivati in Italia e la revisione del Regolamento di Dublino III che assegna gli oneri maggiori relativi all’esame delle domande di asilo e alle misure di accoglienza al primo Paese d’ingresso dell’Unione Europea.

L’asilo è un diritto fondamentale concesso a coloro che fuggono dal proprio Paese
per evitare persecuzioni o gravi pericoli e che quindi necessitano di protezione internazionale. Ci deve essere certezza e velocità nelle procedure per il riconoscimento dello status di rifugiato. Le Commissioni territoriali che verificano le domande devono essere messe nella condizione di lavorare al meglio. I rimpatri devono avvenire nel più breve tempo possibile: occorrono accordi bilaterali stipulati con i Paesi terzi e il rafforzamento dei programmi di rimpatrio volontario assistito per i migranti che provengono dai quei Paesi in cui non sono stati ancora siglati accordi bilaterali.
È indispensabile che la gestione dei fondi destinati al sistema di accoglienza sia assolutamente trasparente, prevedendo anche l’eventuale pubblicazione dei bilanci analitici delle cooperative interessate nell’albo pretorio del comune di presenza della struttura. Mai più Mafia Capitale e via la criminalità organizzate dalle strutture che accolgono i migranti.

Questi argomenti li approfondiremo meglio nel corso delle interviste agli esperti che abbiamo realizzato e che serviranno a informare tutti i cittadini che vorranno votare così da poter esprimere in modo consapevole la loro preferenza e dare al MoVimento 5 Stelle l’indirizzo politico. Buon approfondimento e buon voto.




Back To Top
Search