skip to Main Content


Le nostre quote tonno alla Turchia: l'ultimo voltafaccia dell'Unione europea

di Rosa D’Amato, Efdd – MoVimento 5 Stelle Europa

Dopo l’Ema arriva un nuovo voltafaccia dell’Unione europea? È in corso in Marocco l’incontro annuale dell’Iccat, che deciderà le quote di pesca del tonno rosso. Sul tavolo dei negoziatori c’è una quota europea da concedere alla Turchia che in Europa non è. Vogliono sottrarre quote pesca agli italiani per darle ai turchi. L’Italia batta una volta tanto i pugni e cerchi di ottenere la giusta quota per i suoi pescatori. Dicendo ‘no’ alla quota turca e, soprattutto, aprendo finalmente la porta alla piccola pesca.

Quest’anno è previsto un aumento delle quote tonno, dalle 23.500 tonnellate attuali alle 36.000 per il triennio 2018-2020. Si passerebbe così a una fase di gestione della risorsa ittica. Tuttavia, è inaccettabile che la pesca del tonno in Italia sia affidata quasi in toto a 15 grandi imprese, il cui impatto sull’ambiente marino è, tra l’altro, una delle problematiche mai risolte del nostro mare. La piccola pesca è una risorsa economica e sociale del nostro Paese, una risorsa ecosostenibile e un patrimonio di tradizioni da tutelare. Concedere loro una parte delle quote non basta: occorre anche risolvere il problema delle licenze, che di fatto impedisce a queste imbarcazioni di avere le attrezzature necessarie per pescare il tonno. Il governo si svegli.

Il gruppo Efdd – MoVimento 5 Stelle ha portato il caso in Commissione Pesca al Parlamento europeo. Abbiamo chiesto alla collega che rappresenterà la nostra istituzione in Marocco di far valere le ragioni della piccola pesca. Sulla Turchia, trovo inaccettabile che la Commissione europea voglia concedere ad Ankara una parte della quota che spetta ai paesi Ue. Non vorrei che dietro ci fosse il tentativo di spingere la Turchia ad applicare l’accordo sui migranti. Se fosse così, sarebbe l’ennesima vergogna di un governo italiano che in Europa non si fa rispettare.




Back To Top
Search